Belluno ai tempi di Gregorio XVI

Belluno tra il XVII e XVIII secolo (cronologia)

Stampa antica di Belluno di Tommaso Salmon (1750) con al centro l'antico palazzo detto La Caminada

Stampa antica di Belluno di Tommaso Salmon (1750) con al centro l’antico palazzo detto La Caminada

XVIII sec. Si istituisce l’Accademia degli Anistamici, con sede nel nuovo edificio della Minerva in via Rialto (1787). La principale sezione era quella agricola; nelle periodiche sedute si leggevano relazioni sulle riforme proposte per un suo ammodernamento e per lo sviluppo dell’intero territorio montano.
1765 18 settembre, nasce Bartolomeo Alberto Cappellari, futuro Gregorio XVI
1783 23 agosto,  Bartolomeo entra a far parte della congregazione dei camaldolesi col nome di Mauro
1797 13 marzo, arrivo a Belluno di una divisione francese comandata dal generale Masséna.
1797 9-10 maggio, inizio dell’occupazione francese a Belluno.
1797 22 maggio, installazione della Municipalità a Belluno, seguita dall’inaugurazione dell’albero della Libertà (1° giugno).
1798 10 gennaio, dopo il trattato di Campoformido i francesi partono da Belluno.
1798 12 gennaio, arrivo degli austriaci a Belluno.
1799 Mauro Cappellari pubblica il suo “Il trionfo della Santa Sede e della Chiesa
1800 15 marzo, inizia a Belluno la rivolta dei contadini di tutto il distretto (la “rivoluzione dalmedera”); la città fu sotto il loro controllo per alcuni giorni. Poi i capi della rivolta furono arrestati dalle autorità austriache.
1801 22 gennaio, ritorno dei francesi a Belluno, in aprile dello stesso anno ripristino del governo austriaco.
1803 16 marzo, suddivisione dello stato austro-veneto in province, ognuna presieduta da un capitano provinciale (Belluno assieme a Feltre e Cadore).
1805, Cappellari viene nominato abate di San Gregorio al Celio
1806 15-19 gennaio, passaggio di poteri a Belluno tra austriaci e francesi; in aprile vengono istituiti nel Veneto sette Dipartimenti tra cui quello della Piave. Il Consiglio Maggiore e Minore cessano di esistere, così come le pievi civili e le regole.
1813 Novembre, ritorno degli austriaci a Belluno.
1825 21 marzo Cappellari è creato cardinale dal papa Leone XII
1831 2 febbraio, Bartolomeo Alberto Cappellari è eletto pontefice col nome di Gregorio XVI.
1836 Prima epidemia di colera.
1846 1° giugno,  Muore papa Cappellari
1848 Marzo, Belluno aderisce al moto rivoluzionario, vengono cacciati gli austriaci, che rientrano, però, in città dopo poche settimane. Pier Fortunato Calvi combatte in Cadore.
1849 Arresto e fucilazione di Jacopo Tasso.
1855 Seconda epidemia di colera. Per opera di don Antonio Sperti si apre un istituto per orfani. L’istituzione, divisa poi in due sezioni, maschile e femminile, ha proseguito la sua opera e continua ai nostri giorni
1864 Moti mazziniani nel Veneto e in Friuli; collegamenti anche col Bellunese.
1866 13 luglio, le truppe croate abbandonano Belluno. Finisce la dominazione austriaca.
1866 21-22 ottobre, con 37.611 voti favorevoli, 2 no e 5 voti nulli, il plebiscito sancisce l’appartenenza ufficiale della provincia di Belluno al regno d’Italia.
1866 15 novembre, Vittorio Emanuele II visita Belluno.
1867 3 marzo, Garibaldi visita Belluno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.