Belluno, Museo Civico

Museo Civico – Palazzo dei Giuristi.
Ospitato nel seicentesco Palazzo dei Giuristi, in piazza Duomo, sorto grazie alla donazione, nel 1872, di una raccolta di dipinti del medico bellunese Antonio Giampiccoli, alla quale andò ad aggiungersi, poco dopo, la collezione di antichità del nobile Florio Miari (bronzi, monete, medaglie, manoscritti e libri di interesse locale). Al piano terreno sono esposti importanti reperti archeologici, tra i quali di grande interesse risulta la sepoltura di un cacciatore rinvenuta in Val Cismon e databile alla fine del Paleolitico Superiore (12.000 anni fa). Si trovano testimonianze dell’età del ferro, costituite in buona parte da ritrovamenti provenienti dallo scavo ottocentesco di una necropoli nei pressi di Cavarzano (fibule, coltelli e oggetti in bronzo) e da scavi successivi effettuati in aree limitrofe alla città. Numerosi sono anche i reperti di età romana e dell’Alto Medioevo. Al piano superiore si trovano esposti numerosi dipinti su tela e affreschi che illustrano in maniera esaustiva l’arte pittorica bellunese a partire dal XV fino al XX secolo. Di Jacopo da Montagnana e di Pomponio Amalteo sono conservati numerosi frammenti di affreschi che un tempo decoravano il Palazzo dei Nobili di Belluno (Palazzo della Caminata), demolito nel 1838. Sono inoltre ospitate alcune opere di Matteo Cesa, di Palma il Giovane e di Domenico Tintoretto. Di grande valore sono le tele settecentesche di Sebastiamo Ricci dipinte per la famiglia Fulcis, come la “Caduta di Fetonte” e i due Ercole. Del pittore e patriota bellunese Ippolito Caffi (1809-1866), tra i maggiori vedutisti dell’Ottocento italiano, vi sono la tela “Venezia con la neve” e la nota veduta di “Belluno con il MonteDolada”, “Il Concerto bandistico di Piazza Campitello” di Alessandro Seffer restituisce, invece, una suggestiva immagine della piazza principale di Belluno di fine ‘800. Appartengono alle collezioni del Museo anche alcune sculture, tra queste di particolare pregio sono le opere di Andrea Brustolon, come il Cristo Crocifisso in legno. Dello stesso artista sono conservati anche alcuni bozzetti in terracotta e un corpus di disegni.
ORARI DI APERTURA:
Domenica 9.00 – 12.00 chiuso
Martedì 9.00 – 12.00 15.00 – 18.00
Mercoledì 9.00 – 12.00 chiuso
Giovedì 9.00 – 12.00 chiuso
Venerdì 9.00 – 12.00 15.00 – 18.00
Sabato 9.00 – 12:00 chiuso

Chiuso 1 novembre; 8, 25 e 31 dicembre; 1 gennaio. Aperto il 15 Agosto e il 16 Agosto con estensione pomeridiana (15-18).

bellunocivico2bellunocivico1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.