Gioachino Belli

Nato a Roma nel 1791. Poeta italiano, nei suoi 2279 sonetti romaneschi, composti in vernacolo romanesco raccoglie la voce del popolo della Roma del XIX secolo.
Nel 1812 Belli entra con il nome Tirteo Lacedemonio nella ”Accademia degli Elleni” e successivamente nella “Accademia Tiberina”. La nuova accademia comprendeva oppositori dell’impero, liberali e clericali, ed ebbe tra i membri anche Mauro Cappellari, futuro papa Gregorio XVI.
E proprio al papa “Bbellunese” il Belli dedica una buona parte dei suoi sonetti (oltre 270) e questo anche perché la parte più nota della sua opera è stata scritta nel periodo del papato di Gregorio XVI.
Se nel 1832 papa Gregorio XVI, in ricordo del 18° centenario della Redenzione, indice un Anno Santo straordinario, il Belli gli dedica alcuni sonetti. Tra questi:

L’Anno Santo
Arfine, grazziaddio, semo arrivati
All’anno-santo! Alegramente, Meo(1):
Er Papa ha spubbricato er giubbileo
Pe ttutti li cristiani battezzati.

Beato in tutto st’anno chi ha ppeccati,
Ché a la cuscenza nun je resta un gneo(2)!
Basta nun èsse giacobbino o ebbreo, n’antra
razza de cani arinegati.

Se leva ar purgatorio er catenaccio;
E a l’inferno, peccristo, pe quest’anno,
Pòi fà, pòi dì, nun ce se va un cazzaccio.

Tu và a le sette-chiese sorfeggianno(3),
Méttete in testa un po’ de cenneraccio,
E ttienghi er paradiso ar tu’ commanno.

7 novembre 1832
(1) Bartolommeo
(2) Neo
(3) Visita di sette chiese privilegiate, rimunerata dai Papi con infinite indulgenze.

In altre occasioni:

Er viaggio all’estro(1)

Forzi(2)  sarà bbuscia, ma cquarchiduno
che sta in artis e ccrede de sapello
disce c’ar Papa je va pp’er cervello
d’uggne le rote e scarrozzà a Bbelluno(3).

Bbravo! farà bbenissimo; e ggnisuno
pò nnegajje c’un viaggio com’e cquello
è ssempre mejjo che de stà a Ccastello(4)
a ppescacce le tinche p’er diggiuno.

Quadrini n’ha d’avanzo: passaporto
se lo firma da sé: ddunque ha rraggione,
e accidentacci a llui chi jje dà ttorto.

Eppoi, quer tornà Papa tra pperzone
che tt’hanno visto scicorietta d’orto
dev’èsse un gran gustaccio bbuggiarone.

26 maggio 1835
(1) Il viaggio  all’estero
(2) Forse
(3) Patria di  Gregorio  XVI
(4) Castel Gandolfo  sul  Lago  Albano,  ordinaria villeggiatura de’ Pontefici.

Li soprani der Monno vecchio 

C’era una vorta un Re(1)  cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli st’editto:
«Io sò io, e vvoi nun zete(2)  un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve(3)  a ttutti a un tant’er mazzo:
Io, si vve fo impiccà nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o dd’Imperatore,
quello nun pò avé mmai vosce in capitolo».

Co st’editto annò er Boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: «È vvero, è vvero».

21 gennaio 1832

(1) C’era una volta un Re
(2) Non siete
(3) Posso vendervi.

Li nimmichi de papa Grigorio

E arriva a ttanto er dente avvelenato
de sti strilloni aretichi somari
pe cquer povero papa Cappellari
mó spesciarmente che jj’è uscit’er fiato,

che ddicheno inzinenta ch’è ppeccato
de scelebbrajje messe e nniverzari,
e vvorríeno scassà dda li lunari
fino quer giorno dua ch’ebbe er papato.

E nun basta; c’è cquarche ffuribbonno
che cce conzijja de scordallo, come
sto Papa cqui nun zii mai stato ar monno.

Ma ppe ggrazzia de ddio e der governo,
ce sò bboni pitaffi cor zu’ nome
da ricordallo a ttutti in zempiterno.

3 novembre 1846

In ogni caso, quando papa Gregorio morì, il Belli scrisse:

”A papa Grigorio je volevo bene perché me dava er gusto de potenne dì male”.

gioacchino_belli

Giuseppe Gioachino Belli – Tutti i sonetti romaneschi (pdf)

Giuseppe Gioachino Belli su Wikipedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.