Trichiana, Casteldardo

Casteldardo

Le testimonianze più antiche della presenza umana nella zona risalgono al Mesolitico (10.000-50.000 a.C.), epoca alla quale risalgono i ritrovamenti di Pian Grande di Nareon. Di grande interesse anche la documentazione archeologica del periodo romano: l’urna con le ceneri del colono romano Caio Durenio Secondo (235d.C.), conservata nell’atrio del Municipio e 42 monete argenteee (90- 220 d.C.), conservate nel Museo Civico di Belluno. Risalgono invece all’epoca medievale – e si intrecciano con quelle del vicino e più famoso castello di Zumelle – le vicende legate all’antico castello di Castel de l’Art, ubicato nelle vicinanze del torrente Ardo, anche se qualcuno sostiene che una torre fosse già presente in epoca romana. Lo stemma del Comune ancora oggi raffigura il castello e il ponte sul torrente Ardo, a ricordo delle vicissitudini di questa roccaforte che per la sua notevole importanza strategica fu oggetto di un’aspra contesa tra i Bellunesi-Feltrini e i Trevigiani. La Battaglia di Casteldardo (1193) è stata descritta in lingua veneta in una antica pergamena, annoverata tra i primissimi documenti della lingua italiana ed è stata trascritta in seguito su una lapide esposta sulla facciata della vicina villa Piloni Foscolo.

Indirizzo: Frazione Casteldardo, – 32028 Trichiana (BL)
Altitudine: 389 metri s.l.m

trichianacasteldardo1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.